Team di lavoro

Come creare un buon team di lavoro

Quando abbiamo a che fare con un progetto complesso in ambito web, diventa difficile farsi carico di tutti gli aspetti tecnologici connessi, così come non puoi pensare di avere tutte le competenze necessarie per svilupparlo e portarlo avanti.

Proprio per questo dovrai porti nell’ottica di investire una somma di denaro affinché il tuo progetto parta col piede giusto senza perdite di tempo.

Vuoi fare una ricerca di mercato? Ti occorrerà un esperto di web marketing. Devi fare un sito web? Ti occorrerà come minimo un buon web designer.

A seconda della mole del lavoro da compiere, dovrai cercare una web agency che ti dia il prodotto finito chiavi in mano, oppure se il budget è minore, occuparti tu stesso della ricerca dei collaboratori.

In questo articolo prenderò in esame la seconda ipotesi.

1# Caratteristiche di un buon collaboratore

Prima di dirti cosa fare, tenterò di tracciare un ideale identikit dei tuoi collaboratori.

  • Come prima cosa dovrai scegliere la persona giusta a cui affidare uno specifico incarico. Quindi dovrai valutarne la competenza. Generalmente un professionista possiede un sito internet. Tre le cose da osservare bene: il curriculum, la capacità di scrittura e l’importanza dei committenti riscontrabile attraverso il portfolio, ossia i clienti per cui ha eseguito dei lavori.
  • La seconda cosa a cui devi stare attento, è la velocità di risposta alla tua richiesta di un preventivo. Le successive comunicazioni, se il tuo candidato supera “l’esame”, dovranno essere tempestive e tra una e l’altra non dovrebbero mai passare più di 24 ore, pena il rallentamento del progetto.
  • Dal modo con cui comunica, in chat o via e­mail e soprattutto da come verrà formulato il preventivo, potrai farti un’idea precisa se il tuo collaboratore è una persona che cura i dettagli, o è piuttosto un tizio che lavora in modo superficiale.
  • Il tuo collaboratore dovrebbe poi possedere una certa flessibilità. In tutti i progetti possono capitare degli imprevisti. Anche il tuo collaboratore dovrà farsi carico per la parte che gli compete, non solo tu. Inoltre, dovrà essere in grado di rispondere ad eventuali modifiche del lavoro commissionato. Attenzione: ho scritto modifiche e non stravolgimenti, che ti farebbero perdere un sacco di tempo ed energie.

 

2# Recruiting in rete

“Le vie del Signore sono infinite” recita il detto, ma se vuoi avere collaboratori affidabili e capaci è meglio procedere coi piedi di piombo e non affidarti ad un semplice passaparola o a un sentito dire.

Se non sai a chi affidarti, le rete può aiutarti moltissimo. Sui social media trovi una marea di risorse:

  • se non l’hai ancora fatto, ti consiglio di iscriverti a Linkedin ­il più grande network di professionisti al mondo­. Se cerchi fra i gruppi aggregati per interesse, puoi iscriverti ad uno di essi e inviare la tua richiesta, oppure, ancora meglio, cliccare su “Servizi alle aziende” (dal menù di navigazione) e poi su “Pubblica un’offerta di lavoro”. Ecco il link:
    https://it.linkedin.com/
  • Esiste anche un altro social network professionale, che agevola l’incontro fra domanda e offerta di lavoro. Si chiama “Viadeo” e lo trovi al seguente indirizzo:
    https://it.viadeo.com/it/
  • Un altro ottimo sito dove trovare collaboratori è il Forum di Giorgio Taverniti, uno dei massimi esperti SEO italiani. Serve anche qui l’iscrizione, ma lo sforzo sarà ben ripagato. A parte la marea di notizie utili sul mondo professionale, c’è la sezione “Collaborazioni WEB e Lavoro: offro e cerco”. http://www.giorgiotave.it/forum/collaborazioni­web­e­lavoro-
    offro­e­cerco

Esistono inoltre delle community di freelance che fungono da crocevia tra la domanda e l’offerta.

Ne cito alcune tra le più note.

 

3# Gestione dei compensi

Per gestire le transazioni online ti consiglio di usare PayPal. Oltre ad essere un servizio diffusissimo, è molto facile inviare e ricevere denaro. E puoi scommettere che la maggior parte dei professionisti che troverai, per non dire tutti, ha un account su PayPal.

Se il progetto è complesso puoi concordare di erogare i compensi in più tranche. In questo modo sopporterai meglio il peso dell’esborso e avrai un controllo maggiore sull’andamento dei lavori.

Sii puntuale nei pagamenti. La reputazione è tutto, nel mondo reale come sul web. Così come un collaboratore affidabile deve avere una reputazione cristallina, anche per il datore di lavoro (in questo caso tu) deve essere la stessa cosa. La fama di cattivo pagatore si diffonderebbe in breve tempo.

4# Gestire i collaboratori

Far sentire i tuoi collaboratori un po’ speciali è il segreto per attrarre persone che poi potrebbero diventare persone a cui affidare altri lavori.

Se ti sei trovato bene con loro, non far mancare il tuo apprezzamento: manda un feedback ad ogni step importante del progetto. Servirà a motivarli e a lasciare un buon ricordo di te.

E’ importante che tu mantenga il controllo del flusso del lavoro, perciò è bene che tu abbia le idee chiare sul risultato che vuoi raggiungere.

 

5# Piattaforme web di Project Management

Il web è ricco di risorse anche in questo caso. Puoi mantenere alto il coinvolgimento dei membri del tuo team e migliorarne l’efficienza usando piattaforme dedicate come quelle che ti elenco qui sotto. Ciascuna di esse offre una soluzione freemium e, ovviamente, una a pagamento.

In questo modo otterrai due piccioni con una fava:

1) avrai maggior controllo sulle comunicazioni tra i membri del team;

2) potrai permettere a ogni componente di seguire il lavoro degli altri.

Per il momento mi fermo qui.

Hai appena visto che mettere in piedi un team non è poi così difficile come potrebbe sembrare a prima vista, ma tieni presente che una squadra va gestita con polso fermo. Se sarai un buon capitano il tuo lavoro procederà spedito a gonfie vele.

Mi auguro che i suggerimenti sopra esposti possano averti chiarito le idee su questo tema. Se hai un’esperienza da raccontare, ti esorto come al solito a lasciare il tuo commento nel box qui sotto.

Alla prossima.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *